0%

IL PRIMO PAPA - La libertà di essere uomo
“Un'opera che parla di pace e fratellanza”

IL PRIMO PAPA - La libertà di essere uomo
“La storia di San Pietro vista dagli occhi di Gesù:
2 ore di spettacolo, emozioni e meraviglia”

IL PRIMO PAPA - La libertà di essere uomo
“Una musicopera universale che ha già ricevuto
la benedizione di Papa Francesco”

IL PRIMO PAPA - La libertà di essere uomo
“Un cast d’eccezione con i protagonisti di celebri musical quali
Jesus Christ Superstar, Notre Dame de Paris e Mama Mia”

SINOSSI


C’è un uomo accovacciato su sé stesso all’interno di una cella del carcere romano “Mamertinum”. E’ un uomo anziano, provato dall’età ma con sguardo fiero e sereno. Il suo nome è Cefa ma tutto il mondo lo conoscerà con il nome di Pietro, la pietra sulla quale il Maestro Cristo Gesù ha riposto la sua benedizione per la costruzione della Sua Chiesa. Accanto a lui appare il Cristo risorto che accompagna Pietro in un ricordo di tutta la sua vita e di tutti gli avvenimenti che l’hanno caratterizzata. Non è solo il compagno di questo viaggio nel tempo ma è anche Colui che aiuta Pietro a comprendere come ogni cosa fosse già scritta nel pensiero divino e di come tutto abbia avuto un senso per giungere fino a quel momento. Ed ecco che Pietro “il Galileo” torna a rivivere sulla scena la sua vita da pescatore insieme ai suoi fratelli ed ai suoi compagni, sempre impegnati nella lotta alla sopravvivenza dipendente da quel lago Tiberiade ove lo stesso Gesù gli manifesterà la Sua gloria e la Sua potenza. In questo momento appare il Pietro rude, autoritario e preoccupato che svolge con dedizione la sua attività di pescatore, sempre accompagnato dal Gesù uomo, dal Gesù amico che comincia a mostrare ai suoi discepoli la sua origine divina. Ma la vita di Pietro sarebbe stata ben altro. Ed ecco che il Maestro aiuta Pietro a ricordare sia i momenti di dolcezza fraterna con l’amico Gesù sia i momenti di tensione nel Getsemani, preludio del tradimento e dell’arresto del Cristo. Ed ecco apparire tutti gli apostoli nel momento dell’ultima cena con un Gesù turbato da ciò che di lì a poco gli sarebbe accaduto ma fermo nel compiere la volontà del Padre. Pietro è sempre accanto a Lui anche se non comprende. Non comprende l’atteggiamento di Giuda, non comprende il comportamento di Cristo che sa, conosce, non comprende le parole di Maria, madre amorevole e generosa che sente l’imminente futuro di Suo figlio il Redentore. Ma Pietro, generoso, c’è al punto di tentare di difendere il Suo Maestro nel momento dell’arresto arrivando persino ad alzare la spada…… ma non era questa la strada……. Pietro, l’uomo rude e determinato, si ritrova solo e spaventato,. Non sa cosa stia succedendo al Suo Maestro ed amico Gesù, e l’umana paura prende il sopravvento fino a fargli rinnegare per tre volte di conoscere il Messia……

Ed ecco Gesù che fa rivivere a Pietro quei momenti con un atteggiamento fraterno tipico di chi conosce la natura umana e non giudica. Pietro aveva rinnegato il Suo Maestro, il Suo Amico e, resosi conto di quanto fatto, piange amaramente…. Pietro in quel carcere non è solo. Ritrova una vecchia conoscenza, Saulo di Tarso, convertitosi al Cristianesimo con il nome di Paolo. Ed insieme, dentro quelle umide mura, rivivono altri momenti significativi della loro vita, dalla conversione di Paolo alla Crocifissione di Gesù, solo su quella Santa Croce, abbandonato da tutti tranne che da sua Madre Maria che, con il cuore trafitto da una spada di dolore, lo accompagnerà fino alla morte. Ecco che la morte di Gesù apre, con la Sua resurrezione, una nuova vita per Pietro e per gli apostoli. Saranno tutti chiamati dal Cristo ad evangelizzare il mondo. Pietro dapprima rifiuta, teme, ha paura e mostra ancora una volta il suo lato umano più oscuro. Poi la sua fede e la sua fiducia nel Maestro lo porteranno ad Antiochia a rivestire il ruolo di “capo” di quella comunità cristiana che vive sul ricordo e sulle testimonianze di vita legate a Gesù. Purtroppo non tutti i cristiani se la passano bene. A Roma l’imperatore Nerone, affiancato dal fidato capo della guardia pretoriana Tigellino, perseguita tutti coloro che si professano seguaci di Cristo dandoli in pasto ai leoni per far divertire il popolo romano pagano. Pietro non può accettare tutto ciò e, avvisato di quanto sta accadendo, decide di partire per Roma. Ancora una volta è Gesù, in questo percorso di memoria, a far ricordare a Pietro come egli non abbia esitato un secondo a partire per la capitale dell’impero per prendere le difese dei fratelli cristiani. Pietro giunge a Roma e qui inizierà un vero e proprio duello emotivo con Nerone che lo farà incarcerare continuando il suo progetto di morte contro i cristiani fino al rogo della capitale. Pietro, dopo la sua fuga dal carcere per merito di un angelo, non può abbandonare i suoi fratelli, decide di tornare da Nerone e farsi catturare nella speranza che ciò plachi le ire del sovrano. Si torna in carcere e questa volta siamo nel presente. Nerone convoca Pietro e cerca di farlo abiurare ma la fede di Pietro, più volte provata nella sua vita, questa volta non vacilla. Pietro, la pietra scelta da Gesù, decide di farsi crocifiggere come il Maestro ma a testa in giù così da poter vedere il cielo nel momento della sua morte. Così sarà e con la morte di Pietro, Il Primo Papa, nasce la Chiesa di Dio sulla terra e le forze degli inferi non prevarranno su di essa……

AUTORI


TONY LABRIOLA

Musicista, compositore, arrangiatore e Presidente della SDT Music. Inizia la sua carriera come cantautore, tra i suoi successi: good morning (CBS) (Festivalbar), Stand up Tonight (disco per l’estate), Sentimentologia (Ariston), Coco (DDD/BMG Ariola) Amore è (Ariston) Che trovata geniale (Dig-it) Festival di Saint Vincent.
Ha collaborato come autore con grandi nomi della canzone italiana ed internazionale, soprattutto in Sud America: The Supremes & Diana Ross, Fiordaliso, Lorenzo Antonio, Little Tony, Fausto Leali, Austin Pantoja, Byanka, Los Joao, Nino D’Angelo, Riccardo Fogli, Tullio De Piscopo, James Senese, il gruppo Hidea con il quale ha vinto il Festival di Sanremo Rock RAI 1 nel 2002… che gli sono valse svariati dischi d’oro e di platino anche nel settore cinematografico. Attualmente produttore ed autore di musicals di successo quali La Sirenetta il Musical, Il Libro della Giungla, Cercasi Viola Violetta ed Il Primo Papa - la libertà di essere uomo.


STEFANO GOVONI

Nasce a Bologna. Musicista con formazione classica (organo), fonda nel 2000 la SDT Music assieme al Maestro Tony Labriola con la collaborazione del Maestro Vince Tempera ed il Maestro Luigi Albertelli. Esperto in tecniche di Relazione e Comunicazione, si occupa da oltre 12 anni di formazione in vari ambiti socio economici (bancario, assicurativo, spettacolo, finanziario, vendita e altri ancora) componendo anche musica e canzoni e collaborando con vari artisti del panorama artistico/musicale italiano.Vanta ampia esperienza nel mondo dei musical, in quanto è autore letterario e musicale de “Il Libro della Giungla – il musical” e “La Sirenetta – il musical”.


REGIA TEATRALE: Simone Sibillano

REGIA CINEMATOGRAFICA: Fabio Bastianello

IL CAST


Simone Sibillano


Heron Borelli

Ilaria de Angelis

Marco Manca

Luca Maggiore

Mario Moretti


Carmelo Gerbaro

Paolo Barillari

Eleonora Mazzotti

Alessandro Labriola

Jacopo Bruno


Pescatori, Apostoli, Soldati Romani, Popolani:

  • Stefania Paternò
  • Igor Pedrotto
  • Michela Nicole Quartieri
  • Daniele Venturini
  • Claudio Zanelli

PLUS


La rilevante partnership con il “Vaticano”, attraverso il “Vicariato di Roma” e il “Pontificio Consiglio per la Famiglia", hanno permesso di raggiungere la “benedizione di "Papa Francesco” grazie la concessione da parte del Centro Televisivo Vaticano e Radio Vaticana di immagini inedite della preghiera del Santo Padre sulla tomba di San Pietro e di un brano della recitazione del “Padre Nostro” effettuata dopo pochi giorni della sua elezione.

Papa Francesco interviene con la sua voce nel brano il “Padre Nostro” che è cantato per la speciale occasione dagli autori Tony Labriola, Stefano Govoni e la corale della compagnia del musical. Tale contributo ,avvalorato dalle inedite immagini del Santo Padre, verrà incluso quale contenuto speciale nel DVD di tutta l’opera e negli spettacoli in tour mondiale.

Da non trascurare l’emozionale appeal della colonna sonora dell’intero musical, composta da 21 canzoni scritte da Tony Labriola e Stefano Govoni, fortemente dirette a diventare hit internazionali capaci di aprirsi a duets di massimo prestigio.


Don Sergio Mercanzin

Un particolare ringraziamento a Don Sergio Mercanzin per la totale partecipazione al progetto “Il Primo Papa - La libertà di essere uomo”. Fondatore del “Centro Russia Ecumenica” e presidente dell’associazione “Lo vuole il cuore”, è stato e continua ad essere parte integrante dello sviluppo progettuale allineandolo correttamente agli scritti sacri e promuovendolo a livello internazionale presso le maggiori Istituzioni Cattoliche.

TRAILER

CONTATTI


Trailer Project per
Twentyone Entertainment
Via Gallarate n.122
20151 Milano
Tel. 0039.02.84253200
info@21group.it
www.21group.it